Il decreto punta sulla competitività dei nostri porti e sostiene il ruolo dell’Italia, attraversata da quattro corridoi ferroviari e con 8 mila chilometri di coste, come porto europeo nel Mediterraneo. L’industria portuale torna competitiva: 15 Autorità di Sistema Portuale raggruppano i 24 maggiori porti italiani.