Nessun soggetto che riceve compensi dalle risorse pubbliche, può guadagnare complessivamente più del Presidente della Repubblica. Il governo, tra i suoi primi atti, ha fissato un tetto onnicomprensivo a tutti i compensi e gli stipendi del settore pubblico fissato in 240.000 euro lordi.