Ha perfettamente ragione Laura Schirru. Basta parlare di lavoro da remoto, piuttosto parliamo di nuove modalità di lavoro dove contano gli obiettivi, e non gli orari o la presenza fisica sul posto di lavoro.